Frittelle di legumi, con melanzane, radicchio e pomodorini

Che queste frittelline non le abbia preparate io da sola è evidente. Sono fritte, sono troppo buone e goduriose, sono una di quelle cose che non riesci a smettere di mangiare finché il piatto non resta vuoto.

Le abbiamo fatte in due (ma le due mani non mie sono moooolto più esperte in cucina), le abbiamo divorate mangiandole con le dita. Ci abbiamo impiegato parecchio a prepararle, perché cucinare insieme è un piacere da gustare fino in fondo, sperimentando, condividendo, assaggiando. Beh, quando cucini insieme a qualcuno che ti fa stare bene è inevitabile che anche il piatto finale si arricchisca d’energia bella. E che il risultato sia spettacolare.

Fine dell’intro, che meriterebbe un libro. Torno alle frittelline, che in pratica sono nate con l’idea d’esser panelle ma a me piace chiamarle frittelle. Sono fatte con la farina di legumi e accompagnate con melanzane, radicchio e pomodorini. Sono vegane e senza glutine. Ovviamente si mangiano con le mani, altrimenti che soddisfazione c’è?!

 

 

Ingredienti:

  • mezzo litro d’acqua
  • 250 gr di farina di legumi (potete usare la farina di ceci, io ho usato la farina Legù, che è fatta di farina di legumi in proporzione variabile tra ceci, fagioli bianchi, piselli gialli decorticati)
  • sale e pepe
  • una melanzana grande
  • pomodorini
  • radicchio
  • olio d’oliva
  • olio di semi

 

Preparazione:

Versate l’acqua fredda in una pentola e setacciatevi la farina di legumi mescolando continuamente con una frusta per evitare che si formino grumi. Accendete il fornello e tenetelo a fiamma piuttosto bassa, mescolate pian piano ma senza sosta e aggiungete sale e pepe a piacere. Dovete avere pazienza: il composto inizierà ad addensarsi, ma voi continuate,  ancora, per almeno una quindicina di minuti.  Una volta che il tutto risulterà compatto spegnete, versate il composto su una teglia coperta di carta da forno in modo da stenderlo ben bene e lasciarlo asciugare per una mezz’oretta.

 

 

Ecco, noi non abbiamo aspettato una mezz’oretta perché avevamo fame, ma così il tutto diventa più complesso, perché l’impasto è piuttosto morbido e non è facile formare le panelle. Se avete pazienza riuscirete invece a staccare l’impasto senza problemi. Mettete a scaldare l’olio di semi e friggete le frittelline, fatele asciugare su carta assorbente.

Preparate a vostro piacere contorni per accompagnarle: melanzane fritte o grigliate, radicchio cotto in padella, pomodorini freschi conditi con sale e olio d’oliva.

Gustatevi il tutto assemblando a piacere. Chiaramente leccandovi le dita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *