Et voilà, frutta e verdura dell’orto

Che soddisfazione! Seminare, curare, raccogliere. L’orto racchiude in sé tutta una filosofia di vita. Bisogna aver fiducia, saper aspettare… e poi boom, in un lampo eccoli lì: zucchine, fagioli, piselli, insalata crescono di giorno in giorno. Le mele e le pere sugli alberi, i rovi di more e quelli di ribes. Un tripudio di colori e bellezza, una sferzata d’energia nel piatto.

cetriolo

Un magia per i bimbi, che saltano di gioia quando dietro a una foglia intravedono una fragola rossa rossa o un cetriolo pronto per esser colto.

L’unico problema è riuscire a star dietro a tutto. Mille ricette da inventare per la scorta di zucchine che ti ritrovi, marmellata di prugne a go go, pasta e fagioli e poi i cornetti, capaci di mettere a dura prova quel poco di pazienza che mi resta (ma voi non vi stancate a tagliar via le estremità prima di metterli a bollire? Esistono trucchi che non conosco?!).

Il risultato è garantito, tutto è più buono quando viene dal tuo orto (o meglio, quello della nonna Gabri e della zia Ivo..) e a raccoglierlo sono i tuoi bimbi.

pere

3 Comments Add yours

  1. Giovanni e Laura ha detto:

    Bellissimo poter mangiare frutta e verdura a km zero, un sogno che speriamo di poter realizzare prima o poi, quando avremo una casa con il giardino 🙂

  2. Roberto ha detto:

    hahaha non esiste nessun trucco per i cornetti!

    1. admin ha detto:

      Temevo… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *