Croccante di amaranto e quinoa con verdure e manioca

C’è poco da dire, la pizza è una grande invenzione.

Anche quando pizza non è, ma quel che hai cucinato un po’ te la ricorda. Io e i miei bimbi adoriamo le pizze alternative, fatte con quinoa o amaranto, con la farina della polenta o con il cavolfiore, con le patate o con il platano. Insomma, le proviamo un po’ tutte.

Oggi ne ho fatta una “brutta ma buona” (sì, insomma, un mio classico…). La base è ottenuta con amaranto e quinoa cotti nell’acqua di broccoli e spinaci. L’ho resa bella croccante in forno, in modo da ottenere una sorta di spessa crosta da farcire a piacimento. Sopra ho poi aggiunto a fine cottura i broccoli, gli spinaci e un purè di manioca che era il mio primo esperimento in tal senso. Buono, il mix di sapori che si ottiene è buono davvero….

 

Ingredienti:

  • una tazza di amaranto
  • una tazza di quinoa
  • spinaci
  • broccoli
  • manioca
  • latte di mandorla o di soia
  • erbe a piacere (timo, origano, …)
  • sale e pepe q.b
  • curcuma
  • gomasio

 

Preparazione:

Ho fatto cuocere broccoli e spinaci in acqua bollente salata per una ventina di minuti, li ho quindi tolti dall’acqua senza buttarla. Ho sciacquato ben bene l’amaranto e la quinoa, li ho messi nell’acqua e li ho fatti cuocere a fuoco lento per circa 25-30 minuti. Ho lasciato riposare la quinoa e l’amaranto in modo che diventassero un po’ stracotti.

Nel frattempo ho messo in una ciotola una manioca già cotta, l’ho passata al mixer con un po’ di latte di mandorla fino ad ottenere la consistenza di un purè.

In una teglia coperta con carta da forno e irrorata con un po’ d’olio d’oliva ho schiacciato ben bene quinoa e amaranto, li ho appiattiti con le mani e spalmati in modo da lasciare uno spessore  piuttosto sottile. Ho cosparso con gomasio ed erbe, ultimando con un filo d’olio.

Ho infornato a 200 gradi per 20-25 minuti, finché non si è formata una crosticina dorata. Ho quindi tolto dal forno e lasciato raffreddare prima di staccare dalla carta forno. Ho condito con spinaci e broccoli passati nelle erbe e il purè di manioca.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *